domenica 28 maggio 2017

Setaré - Shampoo per lavaggi frequenti.

Non è da molto che conosco il brand di cui sto per parlarvi.
L'ho visto spuntare qua e là presso qualche bioprofumeria e mi aveva incuriosito, ma mai al punto di fare un ordine appositamente per provare qualcosa. 
Questo fino a quando Piera de l'erboristeria La Melissa di Busto Arsizio non ha portato in negozio tutte le referenze. 
Vedendole dal vivo non ho potuto non comprare qualcosa e quando provo una marca nuova, di solito mi fiondo - indovinate un po' il mio prodotto feticcio - si avete intuito bene, sullo shampoo, e ho scelto lo shampoo per lavaggi frequenti.
Solo successivamente al mio acquisto, informandomi un po' sul brand, ho capito che aveva un quid in più rispetto a tutti i marchi ecobio che ho provato fin ora.
Ok (più o meno) tutti i marchi ecobio fanno della dermocompatibilità e del rispetto dell'ambiente il loro cavallo di battaglia, ma quanti mettono al primo posto la sostenibilità sociale? Di chi sto parlando? di Setaré!
La filosofia aziendale di questo brand mi è piaciuta veramente molto, soprattutto perché si traduce in un aiuto molto concreto alle scuole. Come Setaré attua tutto questo e il loro modello di business sostenibile sono spiegati benissimo nel loro sito al quale vi rimando.
Per quel che interessa qui basti dire che Setaré (Stella in Arabo) è una Start up fondata da Ali e Cristina, marito e moglie, entrambi laureati in farmacia, che si occupa della progettazione e commercializzazione di cosmetici Eco-bio certificati ICEA, di altissima qualità esclusivamente italiana.
Piacevolmente sorpresa da questo nuovo modello di business ho provato con ancora più curiosità il loro shampoo e considerato che mi sono fatta un'idea piuttosto precisa, ho deciso di condividere questi miei pensieri con voi.

Il prodotto è pensato per un utilizzo quotidiano ed effettivamente è molto delicato sulla cute e non tende a seccare i capelli nemmeno con un so prolungato. Fa una schiuma veramente piacevole e fresca che deterge benissimo il cuoio capelluto senza aggredirlo né alterare il suo naturale film idrolipidico. Non ha un grandissimo potere condizionante (ma dopo ogni shampoo io uso sempre il balsamo) e lascia i capelli leggeri e puliti... E che restano puliti più a lungo (nella mia esperienza almeno un giorno in più!). Questo "dettaglio" per me si è rivelato molto molto importante perché sto cercando di lavare i capelli meno spesso, ma la cute tende ad sporcarsi velocemente. Nei periodi di caldo come questo, apprezzo particolarmente il profumo frizzante e agrumato. In una parola: consigliato, se vi occorresse uno shampoo da "tutti i giorni" pensate a questo perché non è mai semplice trovare prodotti equilibrati che usati con costanza nel tempo non secchino i capelli (o al contrario non li appesantiscano) e che non infastidiscano la cute.   
Il flacone è da 250 ml e costa sui 12 euro. 
Inci:
Aqua, Disodium cocoamphodiacetate, Cocamidopropyl hydroxysultaine, Sodium cocoyl sarcosinate, Cocamidopropyl betaine, Citrus aurantium dulcis (Orange) peel oil, Citrus medica vulgaris peel oil, Citrus medica limonum (Lemon) peel oil, Citrus nobilis (Mandarine orange) peel oil, Helichrysum italicum extract, Prunus amygdalus dulcis (Sweet almond) fruit extract, Urtica dioica (Nettle) extract, Althaea officinalis root extract, Lactic acid, Benzyl alcohol, Lauryl lactate, Limonene, Sodium benzoate, Sodium dehydroacetate, Glycerin, Linalool.

giovedì 25 maggio 2017

Gyada Cosmetics, Spray anticrespo

In questo blog pare si parli sempre di capelli, ed è un paradosso dato che di capelli ne ho pochi a causa dell'alopecia. Quelli che ho cerco di curarli più che posso con prodotti naturali, cerco di non stressarli con calore del phon, ho perfino abolito piastre e ferri.
Nonostante la routine rigorosamente ecobio, gli impacchi con maschere ed erbe varie, i miei capelli mossi non ne vogliono sapere di avere un aspetto vagamente decente se non li metto in piega. Sono, infatti, molto sottili, con la tendenza al crespo subito all'attaccatura dei capelli e poi giù sulle punte e reagiscono malissimo all'umidità.
In compenso la cute tende ad ingrassarsi facilmente quindi cercare prodotti di leave in prima dell'avvento della lozione ricci morbidi di biofficina toscana era un vero disastro: qualsiasi cosa mettessi, me li sporcava inesorabilmente.
Con la lozione ricci morbidi la situazione è migliorata molto, almeno per quanto riguarda i fusti e le punte ma essendo in forma gel-liquida non risulta adattissima a domare il crespo all'attaccatura dei capelli.
Quando è uscito lo spray anticrespo di gyada cosmetics dunque, l'ho comprato subito, senza aspettare prime impressioni o recensioni.
E ho fatto benissimo.

Il prodotto è veramente innovativo: è uno spray a base acquosa (niente alcool! niente oli! una rarità, potrei urlare al miracolo!) estremamente fresco e leggero, dal profumo fiorato gradevolissimo e persistente, che va vaporizzato sui capelli asciutti o umidi.
Personalmente lo applico a capelli lavati e tamponati e poi procedo all'asciugatura abituale. Il vaporizzatore della confezione è molto efficace perché nebulizza il prodotto in modo diffuso e omogeneo, su tutta la chioma per cui a me bastano un paio di spruzzi per tutta la testa.
E' pensato per lo styling dei capelli sia ricci che lisci, indisciplinati e crespi.
Effettivamente riduce enormemente o elimina del tutto l'effetto crespo come non mi era mai successo con altri prodotti in spray prima. Anche con caldo e umidità di comporta bene impedendo ai miei capelli di trasformarsi in un cespuglio informe.
Nella mia hair routine, quindi, è diventato uno dei prodotti preferitissimi di sempre per lo styling, sia perché è molto performante, sia perché è gradevolissimo da utilizzare col suo profumo dolce.
Tiene a bada il crespo e nello stesso tempo i capelli non si sporcano, non si appesantiscono e non si appiccicano, ma rimangono leggeri e morbidi.
E' senza dubbio il miglior spray anticrespo mai provato prima: fa tutto quello che promette ma rispetto ad altri prodotti similari, non ha oli (che sui miei capelli sottili tendono a appesantire terribilmente) e non ha alcool (che come sapete decheranitizza i capelli e li rovina irrimediabilmente).
Prima di lasciarvi all'inci del prodotto spendo altre due parole per il packaging veramente splendido. Il flacone benché sia molto elegante e bello da vedere non è in vetro (scomodissimo per i prodotti destinati al bagno) ma in una maneggevole plastica. I dettagli in legno sono superlativi.
Insomma Gyada Cosmetics con questo prodotto si merita un 10 e lode.


Inci:
Aqua, Sodium PCA, Propanediol, Aloe barbadensis leaf juice (*), Glycerin, Parfum, Sodium benzoate, Potassium sorbate, Malva sylvestris leaf extract, Panthenol, Arctium lappa root extract (*), Arnica montana flower extract (*), Calendula officinalis flower extract (*), Citric acid.

(*) da agricoltura biologica 

Formulato con: 0%: ALCOHOL BHA BHT COLOURANTS EDTA PEGPARABENS PETROLATUM SLES SLS SILICONES.

NICHEL TESTED < 0 .0001%
9,90 euro per 125 ml di prodotto. (li vale tutti!)

Edit: sul sito di Gyada Cosmetics è sold out, ma potete trovarlo anche presso i rivenditori. Eccovi lo store locator

domenica 21 maggio 2017

Il punto su BioMarina: shampoo ristrutturante e crema balsamo ristrutturante.

Avevo promesso tempo fa, sia su instagram che sulla pagina facebook, di parlarvi di questi due prodotti biomarina ed ecco, sono pronta a mantenere la parola data allora.



Come vi avevo anticipato li considero senza dubbio cosmetici di altissimo pregio, altissima qualità ma allo stesso tempo realmente FUNZIONALI. Pensati per le esigenze (a volte molto concrete) dei consumatori. Fanno parte di quella cosmesi che io considero di alta gamma, ovvero quella che ti offre formule efficaci e un pack gradevole ad un costo onesto non quella inutilmente costosa, con formule vuote. 


Scendo nel particolare e vi parlo delle referenze singolarmente.
Come saprete se leggete questo blog ho i capelli con più di qualche problema: sono sottili, tendono ad incresparsi specie sulle radici e verso le punte, ma contemporaneamente il cuoio capelluto tende ad ingrassarsi velocemente. Con la mia alopecia, poi, avrò rotto le scatole a tre quarti degli utenti.
Ecco se avete dei capelli secchi questo shampoo ristrutturante dovete proprio provarlo. Fa tanta schiuma a contatto con l'acqua e lava bene pur essendo delicatissimo, anche sulla cute. Lascia i capelli già abbastanza disciplinati, tant'è che volte ho provato anche ad usarlo senza balsamo (cosa per me impossibile con altri shampoo) e non si sono creati nodi né si sono strappati i capelli durante l'asciugatura.
Forse l'unico appunto è che rispetto all'uso di altri prodotti più sgrassanti, con questo devo rilavare i capelli dopo tre giorni (e comunque tenete presente che io fino a qualche tempo fa li lavavo tutte le mattine) però l'effetto disciplinante che ha è pazzesco: riesce ad diminuire significativamente l'effetto crespo dei miei capelli anche senza prodotti per il leave in.
Se poi volete immergervi in una esperienza sensoriale completa munitevi del conditioner.
Ha un profumo che mi ha rapito. Non è né dolce né femminile, ma che mi ha veramente travolto. Persiste fino al giorno dopo sui capelli e non mi stancherei mai di annusarlo. Specie quando lavo i capelli la sera, questo profumo rimane anche sul cuscino. 
E' un balsamo crema che può essere utilizzata attraverso l'erogatore a pompetta. Da quando ho tagliato i capelli, un push è più che sufficiente per districare i capelli. 
Il buon potere districante, appunto, è dato dal Behenamidopropyl Dimethylamine che fa effetto simil siliconico sui capelli, ma che in realtà non è un derivato petrolifero: è naturale! Sul biodizionario è segnalato come giallo perché ha un certo impatto ambientale e il formulatore deve saperlo dosare.
Lascia i capelli morbidissimi e disciplinati anche senza osservare tempi di posa, tanto che fare la piega dopo risulta molto più semplice.


In conclusione io li promuovo entrambi senza riserve. Voi li avete provati?